Home » News eventi » Bitonto citta d arte e di storia le strade raccontano i suoi personaggi celebripubblicata il 22 Dicembre 2016

Bitonto, città d'arte e di storia: le strade raccontano i suoi personaggi celebri

"Bitonto è ricca di personaggi con volto e senza volto, con nome e senza nome, dalle innumerevoli storie attaccate alle loro vite", racconta il professor Nicola Pice. Rimanendo nello stretto giro del centro storico, ingarbugliato e pulsante, le tracce molteplici di una Bitonto peuceta, medievale, rinascimentale, seicentesca, settecentesca e ottocentesca. Vi nacque nel Settecento il cantante castrato Caffarelli; a inizi del Novecento, il pittore Francesco Speranza; vi vissero Carlo Rosa e il fiammingo Gaspar Hovic, disseminando di proprie opere case e chiese. Palazzi, come quello rinascimentale dei Vulpano con la sua ricca loggia. Il romanico puro della cattedrale con la 'Bibbia dei poveri' sul portale, la duecentesca chiesa di San Francesco della Scarpa, in piazza Minerva, con giardino pensile annesso, Una lunga teoria di Madonne oranti, Cristi snodabili, Santi illuminati, bruniti dal tempo, e quattro musei, dalla galleria nazionale De Vanna al museo archeologico, a dire di una città piena d’arte come un portagioie. Ultima tappa: la tomba di Tommaso Traetta, il riformatore del Melodramma italiano (di Antonella Gaeta)    

https://video.repubblica.it/edizione/bari/bitonto-citta-d-arte-e-di-storia-le-strade-raccontano-i-suoi-personaggi-celebri/263367/263733?refresh_ce